(Italiano) Riflessioni di un vignaiolo, parte 6°

In approfondimenti, Blog -


5 responses to “(Italiano) Riflessioni di un vignaiolo, parte 6°

  1. Sono un micro-apprendista vignaiolo, ancora garagista, con alle spalle una laurea in enologia.
    Posso dirti che per produrre vino accetto solo tre ingredienti:
    1) uva (sana, matura e proveniente da agricoltura biologica, biodinamica o sinergica)
    2) lieviti (possibilmente autoctoni)
    3) SO2 ( per chi vuole, usarne poca, pochissima…o durante i travasi o prima dell’imbottigliamento)

    Tutto il resto per me non esiste e se fosse per me non esisterebbe, per legge, come coadiuvante enologico.
    Sono favorevole alla chiarifica solo se effettuata mediante l’uso del freddo (sia da termoregolazione che dell’ambiente esterno) e del tempo.
    Sono contrario alla filtrazione ed alla stabilizzazione, che snaturano il vino facendo precipitare troppe sostanze assieme ai microorganismi.

  2. certo Riccardo, è un pò quello che pensiamo anche noi! C’è però una buona parte di enologi che crede ancora nella filtrazione come pratica necessaria per mantenere una certa eleganza e finezza nei vini, togliendo quindi le parti grossolane.
    Non dimentichiamo poi che un vino non filtrato è più soggetto a ossidazioni o riduzioni, proprio perchè ha presente in sè più materiale ossidabile. Per questo magari può essere difficile da commercializzare (soprattutto i bianchi torbidi, troppo carichi di colore… ) . Per fortuna la mentalità della gente stà cambiando e c’è un’apertura sempre più positiva!

  3. Il discorso sull’ossidazione/riduzione e quindi sulla conseguente possibilità distributiva del vino è verissimo, in effetti.
    Però credo che la scelta o meno di filtrare sia per lo più una questione di “filosofia produttiva”.
    Io, dall’alto della mia ignoranza, preferisco non farlo e con questo mi assumo ovviamente tutti i rischi del caso quando vado ad imbottigliare.
    🙂

  4. Le cartucce di microfiltrazione vengono usate nella filtrazione dei vini durante l’imbottigliamento in quanto hanno una bassa porosità, si possono sterilizzare con l’utilizzo del vapore e la membrana interna non altera le caratteristiche del vino.

  5. quindi significherebbe che il vino prima della filtrazione è esattamente uguale al vino dopo la filtrazione? Nonostante sia un metodo nettamente meno invasivo, crediamo che comunque sia, togliendo qualcosa al vino si và a cambiarne le caratteristiche. Bisognerebbe anche capire il tipo di evoluzione che quello stesso vino (filtrato e non filtrato) ha negli anni. Sarebbe interessante.

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.